Jesolo. Verranno utilizzati i soldi risparmiati per il progetto “rambla del mare” che non si farà più. La Regione intanto garantisce fino a 80 mila metri cubi di sabbia per il prossimo ripascimento.

Sparisce la “rambla sul mare”, il mega pontile davanti al grattacielo Merville. E con i soldi risparmiati da questo ambizioso progetto, per la verità quasi irrealizzabile, sarà garantito un intervento strutturale di protezione della spiaggia dall’erosione. Circa 2 milioni di euro per nuovi pennelli e pontili in Pineta. Intanto. 80 mila metri cubi di sabbia sono assicurati per la stagione 2017. Così la prossima estate la spiaggia di Jesolo è garantita anche al lido est in Pineta. Il sindaco Valerio Zoggia è tornato dalla Regione, dove ha parlato con l’assessore all’ambiente Bottacin, portando a casa una serie di garanzie sul futuro della sua spiaggia. Per prima cosa, saranno stipulati vari accordi nelle località balneari della costa veneziana contro l’erosione, coinvolgendo i Comuni, la Regione e i privati, nel caso di Jesolo la Federconsorzi. Serviranno per studiare e organizzare la difesa a mare, finanziamenti e progetti di intervento strutturale.

Il Sindaco Zoggia ha poi ricevuto ampie rassicurazioni in Regione anche dal Genio Civile in merito alla sabbia per l’estate 2017. Circa 60 mila metri cubi di sabbia saranno pescati a largo e accatastati a riva pronti per essere distesi attorno a maggio. Altri 15 mila sono garantiti dal cantiere dell’hotel Tahiti, più i restanti metri cubi trasferiti dalle zone centrali, da dove potranno essere spostati a seconda della necessità. Se nel 2016 erano stati garantiti circa 50 mila metri cubi, quest’anno l’obiettivo è di arrivare a 80 mila per garantire la spiaggia della Pineta che potrà avere la sabbia necessaria per superare i problemi di erosione che si sono manifestati anche quest’anno.

Ma la novità più importante, che ha convinto anche il Presidente AJA Alessandro Rizzante, e il Vice Presidente di Federconsorzi Amorino De Zotti, a complimentarsi con il sindaco e l’amministrazione, è il reperimento dei circa 2 milioni di euro dell’enorme pontile che doveva sorgere di fronte al Merville, su un totale di quasi 3 milioni compreso il beneficio pubblico dell’intera operazione, che saranno destinati a un intervento strutturale sulla spiaggia della Pineta progettato e realizzato nella prossima stagione estiva 2018.

L’intervento prevedeva 2 milioni 730 mila euro che erano stati ripartiti nella realizzazione del pontile per la famosa rambla, 500 mila per un parcheggio in Pineta, 900 mila da destinare alla sistemazione di Piazza Europa e un tratto di marciapiede viale Oriente. Zoggia ha avuto le rassicurazioni dall’assessore Bottacin sulla fattibilità di questo percorso concordato anche con la ex provincia, poi Cogetrev, ovvero l’allora soggetto privato coinvolto nel progetto del Merville che prevedeva anche gli altri interventi.

Questi ultimi interventi saranno realizzati, mentre sarà stralciata la rambla sula mare e il soggetto privato garantirà, con quelle risorse risparmiate, i nuovi interventi di difesa del mare, sostanzialmente pennelli in roccia che saranno concordati con la Regione anche con nuovi stanziamenti pubblici. “L’assessore Bottaccin” ha detto il sindaco “si è dimostrato disponibile ad assecondare il progetto e adoperarsi perché l’iter possa poi venire trasmesso velocemente alla Via (Valutazione Impatto Ambientale)”.

© Articolo da La Nuova Venezia